• patrizio.gragnano@gmail.com

Chi sono

Ho 39 anni ,sposato dal 2007 con Lucia e papà del piccoli Matteo e Lorenzo. Diplomato, ho da poco ripreso a studiare, dopo oltre 10 anni, scienze dell’Amministrazione Pubblica all’ Università Federico II di Napoli. Ho fatto il metalmeccanico e oggi ho uno piccolo studio di amministrazioni di immobili, lavoro come consulente per un azienda e sono socio di una sas che si occupa di distribuzione automatica.Sono Agnostico, amo il cinema d’autore, i saggi, i romanzi ,la satira, le isole ( in particolare della sicilia), la buona cucina, Napoli e  il Napoli, che è tra le mie passioni più estreme. Difficilmente riesco non essere partigiano nelle cose che faccio. Mi ritengo un libertario , estremamente disordinato,testardo e abbastanza permaloso.Odio il freddo, la mozzarella e gli ipocriti. Da qualche anno non sono “solo” ma  “anche” comunista, ma questo lo ritengo un pregio. Sul collo ho disegnato la mia città e sul  avanbraccio sinistro ho scritto “l’ordine è la virtù dei mediocri”, per me uno stile di vita.

Inizio giovanissimo a fare politica e da subito a Sinistra.


marcia per il lavoro

marcia per il lavoro - Napoli - settempre 1996

Nel 1993 partecipo al movimento studentesco e aderisco all’ Associazione Studenti Napoletani Contro la Camorra e “A Sinistra“, movimento che poi diventerà U.d.S. Rappresentante di istituto nel ITIS San Giovanni a teduccio, organizzo la lotta contro la riforma della scuola proposta dall’allora ministro dell’ istruzione Rosa Russo Iervolino.

Nel 1994 scelgo di provare a fare politica attiva e aderisco , con la segretaria di Fausto Bertinotti, a Rifondazione Comunista dove divento dopo un anno di militanza, segretario del circolo di Barra che intitoleremo, a Pier Paolo Pasolini. In Rifondazione faccio parte dei giovani comunisti e del Comitato Politico Federale di Napoli, lì ricopro l’incarico di responsabile provinciale per il bialncio partecipativo nel dipartimento enti locali.

Consiglio circoscrizionale di Barra 2001

Nel 1997 inizia l’avventura nelle isitituzioni. Nel novembre di quell’anno mi candido come capolista del PRC e risulto primo degli eletti nella circoscrizione di Barra. Divento capogruppo e dopo pochi mesi entro in polemica con il presidente eletto uscendo dalla maggioranza dopo l’omicidio a Barra di un ragazzo di 13 anni. In quella vicenda ritenni inaccattabile il silenzio del centro sinistra di allora  e decisi di passare all’opposizione

campagna provinciali 2004

con Nichi Vendola a San Giovanni, apertura campagna Provinciali 2004

Nel 2001 vengo rieletto al consiglio circoscrizionale di Barra in un clima totalmente diverso dall’esperienza precedente. Divento presidente della Commissione Politiche Sociali, organnizzo tre forum della legalità e avviamo insieme ad altri alcune delle esperienze più interessanti della città.I migranti a Barra, per la prima volta votano ed  Eleggono Arben Hasani ,un cittadino albanese residente ai bipiani, che diventa il primo consigliere immigrato aggiunto della citta di Napoli. Avviamo il percorso concreto di bilancio partecipativo , impegnando e spendendo alcune decine di migliaia di euro consultando la popolazione che serviranno ad aprire il primo centro anziani della circoscrizione di Barra, oggi una delle realtà più vive  della città

Tra il 2003 e 2005 entro a far parte dell’ARCI Napoli, sono sindaco revisore, e co-fondo le associazioni Blanca e Don Chisciotte. Il partito mi chiede di candidarmi alle Provinciali del 2004 e faccio una delle esperienze più belle del mio viaggio aprendo al mia campagna con Nichi Vendola, allora candidato alle europee, e raccolgo oltre 2500 voti.

Nel 2006 nascono le municipalità, vengo rieletto per la terza volte e mi dimetto per ricoprire l’incarico di Assessore alle Politiche Sociali. In questi anni ho avuto modo di incontrare tantissime esperienze di lotta, lavoro, di disagio ,precarietà e tantissima energia e professionalità nel sociale con cui costruisco una rete che diventa punto di riferimento per il welfare sociale della città orientale. Per 4 anni impegno tutti i fondi a mia disposizione sul sociale , si aprono nella VI municipalità  3 dei 7 centri anziani di tutta la città. Patrociniamo e sosteniamo raltà associative e stipuliamo protocolli di intesa con enti e privato sociale per progetti sul disagio giovanile e sulla musica. Apriamo al territorio il centro Asterix anche nei festivi e lavoriamo per potenziarne le prerogative.

A Rimini nell’utimo congresso del PRC, sostengo la mozione di Nichi Vendola, ma anche se in aperto dissenso non lascio Rifondazione perche convinto che bisogna restare e resistere.

Negli ultmi contriubuisco a organizzare  le lotte più significative per la città orientale, quella per difendere i rom dai roghi di Ponticelli e quella per abbattere il Campo Bipiani costriuto quasi interamente in amianto .

Fondiamo   Officina della Sinistra, per allargare il campo e ripensare i luoghi della politica oltre i partiti. Con altri stiamo dando vita ad un sogno: RadioMagma63, una web radio che sta diventando giorno dopo giorno uno dei luoghi di elaborazione più interessanti di una nuova generazione che riprende il gusto di partecipare e riprendersi il proprio futuro.

Dal settembre 2010 torno a casa e aderisco a Sinistra Ecologia e Libertà con Vendola . Insieme a tutto il gruppo dirigente del PRC di Barra e alcuni giovani di Ponticelli fondiamo il Circolo SEL Pier Paolo Pasolini e ci rimettiamo in viaggio.

Oggi non ho tessere di partito , dubito ma resisto perchè convinto che la sinistra che c’è non è la mia ma non smetto ancora di credere che la si debba costruire.

Invia il messaggio