Senza categoria

Quel 17 marzo quando la mia generazione perse l’innocenza

Il fumo acre dei lacrimogeni oscuró per un attimo i nostri vent’anni vomitando fuori dal ventre di una piazza la nostra innocenza . Ricordo come se fosse ieri i colori , l’entusiasmo e il gusto nuovo della rivoluzione . Non avevamo paura di pensarla , pronunciarla e finalmente costruirla concretamente. Loro dentro noi fuori . Loro nel palazzo , noi per le strade. Loro in 7 ,noi un popolo!

Entrammo da Via De Pretis, felici incoscienti e vergini ! Conquistammo la piazza , divisi in due ali colorate quando le porte si chiusero . Gli occhi mi si sbarrarono su quei Defender blindati , le orecchie assordate dal sinistro  battere degli sfollagente sugli scudi. Poi la furia dello stato , veemente verso il suo “futuro” passó sopra le nostre illusioni calpestate dagli anfibi della Celere.

Lì qualcosa cambio , dopo nulla fu più come prima .

Quella fu l’alba di Genova e la notte della libertà .

Lì perdemmo l’innocenza , ma siamo ancora in cammino…

no global forum -napoli-21 marzo 2001

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *